Una festa di colori e di sapore. Poche nozioni semplici , ma chiare, per tornare nella propria cucina e provare subito quanto imparato. La chef Paola Fabris ce lo ha detto subito: quello che preparerete deve entrare dentro di voi.

Quindi cominciate dalla spesa, scegliendo dove e cosa comprare.

Poi predisponete la vostra cucina in modo che sia uno spazio comodo, pulito, facile, minimamente organizzato. Piacevole per lavorarci.

Infine respirate e predisponetevi a preparare i vostri cibi con amore, per la materia prima ( non strapazzatela), per chi li mangerà ( assaggiate e guardate…vi piace? è bello da vedere?) per voi stessi…allora anche i bambini ameranno il cibo che preparate per loro. Vi vedranno preparare i loro piatti e , come per tutti i mestieri che hanno bisogno di mani esperte, tradizione, competenza, resteranno affascinati da quello che state facendo. Ameranno stare in cucina, guardarvi preparare e vorranno provare, perché non c’è nulla di più potente della passione per trasmettere qualcosa.

Non servono materie prime particolari od esotiche: verdure fresche di stagione, carne di cui si conosce la provenienza. Acqua bollente, olio di oliva, sale, spezie di casa. Infine pazienza, attenzione, curiosità, voglia di provare ed assaggiare, mescolando aspro con dolce, aggiungendo una punta di piccante peperoncino o di fresco con lo zenzero.

Unite il tutto con poche ma salde conoscenze per la trasformazione e la conservazione dei cibi: sbollentare le verdure per pochi minuti per conservare colore, consistenze e sapore, raffreddare rapidamente per interrompere la contaminazione batterica.

Tutto sembra facile guardandola tuffare le verdure nell’acqua bollente, spadellare il riso senza perderne un chicco e insieme rispondere alle domande e farne altrettante a noi. Un vero scambio: passione per curiosità. E di passione Paola si capisce che ne ha da vendere!

Di sicuro questa esperienza non resterà unica: troppo coinvolgente! Restate con noi, perché avremo delle sorprese!

 

Leave a Reply